Cucci Martial Arts Academy

Vai ai contenuti

Menu principale:

Intervista

Sifu

INTERVISTA AL SIFU GIUSEPPE CUCCI

Direttore Tecnico

Cucci Martial Arts Academy of Italy



D) Sifu presenti ai lettori il suo curriculum di pratica.

R) Nel 1968 avevo quattordici anni ed ho iniziato per necessità, il mio era un brutto quartiere (Foggia / San Lorenzo) ed ho iniziato con il Ju Jitsu. Nel 1971 sono andato in Germania ed ho iniziato il Kungfu, c'erano tre stili in particolare che il mio Sifu insegnava ed erano l'HungGar , Wing Chun e la boxe lunga tradizionale Cheung Kuen. Nel 1972 a Parigi, il mio insegnante aveva elaborato un suo metodo, egli era a conoscenza dell'HungGar Kungfu. Nel 1975 feci ritorno in Italia e non potei continuare la pratica del Kungfu quindi iniziai il Karate Shotokan. Lo praticai fino al 1990. Nel 1978 ho iniziato a praticare la Kick Boxing o Karate Contact ad uno stage con il grande Bill Wallace. La pratico ancora come disciplina sportiva. Nel 1986 iniziai a praticare la Boxe Francese o Savate poiché ripresi i contatti con il mio maestro di Hung Gar parigino grande agonista di questo sport, e in Italia con il Prof. Italo Manusardi, conosciuto nel 1982 durante il campionato italiano di Kick Boxing FIAM in Foggia. Poi la mia pratica, continuò esclusivamente con, l'autentico HungGar Kungfu praticato direttamente sotto il granmaestro Sifu Chiu ChiLing (scuola Chiu Kau), poi con Sifu James Edmond Uglow (scuola Chan HonChung) e con Sifu George Ho (scuola Lam Jo), recandomi periodicamente in Cina (Hong Kong - Canton - Foshan), USA (San Francisco) e Inghilterra (Londra - Liverpool).

D) Le sue qualifiche?

R) Capo Istruttore e Presidente fondatore della "Siulam Hung Gar KungFu Association of Italy", fondatore e Capo Istruttore della "Cucci Martial Arts and Healing Academy", fondatore e Direttore Tecnico della "Italian Chin Woo Athletic Association", Fondatore e Direttore Tecnico della "Italian Street Kombat Academy", membro della "International Chiu ChiLing HungGar KungFu Association". Sifu Membro della "Union Boxing Chinese System". Membro fondatore della "European Union Kungfu Contact". Moniteur di Boxe francese. Maestro 5° dan di Karate. Maestro 5° grado di Kick Boxing. Moniteur di Boxe Libera Evolutiva - Coordo/Cinetica, ecc...

D) Sifu in che consiste L'Hung Gar Kungfu?

R) Sono semplici i principi di questo stile di Kungfu ma allo stesso tempo sono difficili da capire per noi occidentali. E' difficile separare il concetto d'arte marziale da sport. In Italia tutti hanno l'idea associativa di fondere questi due concetti. L'Hung Gar non è assolutamente uno sport. E' nato a Siulam Ji (Shaolin in Mandarino) come metodo di vita. E' una filosofia, una ginnastica psicofisica che cerca di aumentare le attitudini individuali. Inoltre è cultura. Se si vuole apprendere a fondo, si deve conoscere la mentalità e la cultura Cinese. Abbiamo un aspetto culturale evidente con la danza del Leone che non ha niente a che fare con l'aspetto marziale. Il lato marziale dell'Hung Gar Kungfu è basato principalmente sulla semplicità e franchezza delle sue tecniche. Queste caratteristiche fanno in modo che sia tenuto in forte considerazione non solo in Cina ma in tutto il mondo.

D) Cosa rappresenta la danza del Leone?

R) E' una cerimonia di buon auspicio oltre che di presentazione della scuola. Ogni stile di Kungfu del sud della Cina, ha una sua danza del Leone e si esibisce nelle inaugurazioni d'attività commerciali e nel capodanno Cinese.

D) Sifu, ci sono alcuni stili che enfatizzano la corta distanza, altri la lunga; in che cosa è specializzato l'Hung Gar Kungfu?

R) Non enfatizza nulla in particolare, poiché ingloba tutti gli aspetti dell'autentica arte marziale, dalle leve alle proiezioni ai punti di pressione ecc... ci sono molte caratteristiche in comune anche con gli stili Giapponesi come l'aggressività della tigre dello Shotokan, il ritmo e il lavoro con attrezzi degli stili Goju e Shito e il lavoro a due dell'Uechi-ryu ecc... E' importante ricordare che L'Hung Gar possiede le tecniche autentiche dei cinque animali di Siulam abbinati ai cinque elementi Taoisti (lavoro interno) questo è importante perché non tutti sanno che i sistemi interni come il Wudang Taiji ecc..., sono nati per mezzo dell'esperienza Siulam e non viceversa. In ogni modo nell'Hung Gar è fondamentale lo sviluppo del Qi, che è allenato con particolari esercizi e con precise tecniche respiratorie in modo da consentire al praticante di essere sempre in buona forma e in armonia con il proprio "io". Per fare un esempio ricordo il gran maestro Sikung Chiu Kao che si è spento da poco all'età di 100 anni (1895-1995).

D) Tutti i movimenti nell'Hung Gar favoriscono il flusso del Qi o solo alcuni?

R) Tutte le tecniche sono insegnate in modo tale da consentire uno sviluppo del Qi. Tuttavia non sono solo importanti i movimenti tecnici e la respirazione, fondamentale è il lavoro mentale (mente, corpo e spirito).

D) Grandi maestri oltre la pratica marziale si sono dedicati alla medicina, l'Hung Gar tramanda queste conoscenze?

R) Si, l'Hung Gar Kuen è anche questo. In verità non la s'insegna a tutti ma solo ai più pazienti e diligenti. Tale medicina non e l'agopuntura o la digitopressione, è fatta di cataplasmi, vino d'erbe e massaggi zonali (Dit Da Jow). L'Hung Gar possiede una ricetta che, arriva direttamente da Wong Fei Hung, ed è in grado di risanare in poco tempo una frattura ossea anche molto grave.

D) Per praticare Hung Gar occorrono requisiti particolari o possono allenarsi tutti?

R) Possono praticare tutti poiché è il duro lavoro del Kungfu che seleziona i suoi studenti. Chi non ha un atteggiamento corretto e una volontà ferrea non può praticare Hung Gar Kungfu.

D) Cosa e come insegna nella sua scuola?

R) A livello tecnico sono molto lontano dalla didattica dei Cinesi. Poiché ho l'onore di praticare tecnicamente tre grandi scuole (Chiu Kau / Chan HonChung / Lam Jo) ho cercato di, istituire un programma che inglobasse tutte le mie conoscenze e che si adattasse agli studenti Italiani. Per prima cosa ci sono le tecniche fondamentali e le relative forme di base, solo dopo di queste (circa 5 anni) insegno le forme più complesse e classiche del sistema, che sono il vero marchio di fabbrica dell'Hung Gar. Abbiamo il set di tecniche denominate "sottomettere la tigre", "la tigre e la gru", "i cinque animali", "cinque animali cinque elementi" infine il Tid Sin Kuen, la forma del "filo di ferro" dal quale ha origine il termine Giapponese di Goju che significa forza e cedevolezza.

D) Crede che il Kungfu Hung Gar sia in espansione?

R) Si in questi ultimi anni c'è una forte richiesta d'autentico Kungfu tradizionale.

D) Sappiamo che molti "maestri" insegnano cose fittizie che non poggiano su nessun sistema preciso. Addirittura tali maestri inventano le tecniche da insegnare. Che cosa ne pensa?

R) Non voglio parlare male di persone non presenti quindi, parlerò solo di me stesso. Quando nel 1980 ho voluto iniziare ad insegnare, ho creato un'associazione di stile e non una federazione interstile. Questo perché con una federazione si viene a creare una sorta di divisione del potere con la relativa disgregazione di un insegnamento tradizionale corretto. Se un responsabile impartisce degli insegnamenti sbagliati ad uno studente, questi a sua volta tramanderà tecniche erronee poiché non ha avuto la possibilità di apprendere direttamente dal Sifu caposcuola.

D) Quindi cosa consiglia di fare a coloro che vogliono accostarsi all'arte marziale?

R) Principalmente di trovare un buon maestro/Sifu, chiedendo tutti i dati del sistema insegnato nonché l'albero genealogico della scuola, e di accostarsi con purezza di cuore. L'arte marziale non insegna a picchiare ma a conoscere se stessi. A chi interessa l'agonismo consiglio la Kick Boxing, Sanda ecc. A chi interessa la tradizione consiglio quindi di prestare attenzione a non finire nelle mani di gente senza principi e conoscenza delle autentiche tradizioni marziali è molto pericoloso...

D) Se potesse definire L'Hung Gar con poche parole quali userebbe?

R) Beh' è difficile... ma se dovessi farlo userei questi termini: Umiltà, Rispetto, Lealtà e Correttezza verso gli altri, questo è l'Hung Gar Kungfu, questo è il fine della vera arte marziale cinese.


(intervista di Alberto Rossitto 1994)



Torna ai contenuti | Torna al menu